LA NOSTRA STORIA

italia con pin.png

Nel 2002, 2003 e 2004 ASEM e l’Associazione Culturale Endaxi di Roma portano in scena in Italia lo spettacolo “Bento” nel quale i ragazzi dei Centri di accoglienza ASEM di Beira diventano abilissimi attori e ballerini raggiungendo un bellissimo risultato a livello non solo di raccolta fondi ma di sensibilizzazione, di solidarietà, di interscambi culturali e di sviluppo di rapporti duraturi nel tempo.

 

Nel 2004 la tournée di 3 mesi copre varie regioni d’Italia (Lazio, Puglia, Sardegna, San Marino, Toscana, Liguria, Lombardia, Veneto). Si cominciano così a sviluppare dei gruppi attivi di volontari in diverse località italiane (prevalentemente Veneto, Lombardia, Lazio) e nascono gruppi a Varese, Milano, Padova, Cagliari, Lecce e poi Torino.

In particolare a Padova nasce un gruppo di volontari che proseguono l’esempio dei volontari di Roma nel organizzare eventi di sensibilizzazione e di scambio culturale, tenere i rapporti con le scuole, con le istituzioni (ufficio gemellaggi del Comune di Padova, Provincia e Regione) e con altre associazioni del padovano (Associazione Erika, Cooperativa Altre Strade, Associazione Faber, Associazione Ponte ecc.).

1999:

LA NASCITA

ASEM ITALIA è una associazione ONLUS (non lucrativa di utilità sociale) che è stata fondata nel 1999 a Roma principalmente per gestire la campagna di adozioni a distanza che garantiva sostegno regolare ai centri ASEM di Beira in Mozambico.
La campagna viene diffusa inizialmente con l’appoggio di FIVOL (Federazione italiana volontariato) e poi dal primo ufficio ASEM nato grazie all'ospitalità della stessa FIVOL, in Via Nazionale a Roma.

L’attività di raccolta fondi tramite progetti ad istituzioni, ONG e organismi internazionali viene portata avanti principalmente dalla sede di Beira da Barbara Hofmann, fondatrice dell’ASEM , su segnalazioni dei volontari di ASEM ITALIA e sui rapporti che intrattiene durante i suoi viaggi in occidente.

2002-2005:

LA DIFFUSIONE

2006:

IL TRASFERIMENTO

L’11 luglio 2006 l’assemblea dei soci a Roma delibera sullo spostamento della sede amministrativa e legale a Padova, lasciando a Roma il gruppo di volontari e il coordinamento regionale (Lazio) che possa meglio sviluppare attività, iniziative e relazioni in quel contesto.

Si individuano dei referenti regionali per Lazio, Lombardia, Piemonte e Veneto per migliorare la comunicazione con i vari gruppi.

Questo in un’ottica di ampliamento nella diffusione del messaggio di solidarietà a sostegno del progetto e nell'obiettivo di un migliore coordinamento nella forza dei volontari a livello nazionale/internazionale con scambio di informazioni su opportunità e iniziative.

2007-2013:

A PADOVA

ASEM fa parte del Consorzio La Gabbianella fino al 2007 e dal 2007 del Consorzio PAIR.

É iscritta al registro delle APS della Regione Veneto, a quello della Provincia di Padova, a quello del Comune di Padova e di Roma, al registro nazionale delle Onlus e al registro SAD (sostegno a distanza) dell’Agenzia per il terzo settore.

 

A Marzo 2013 il direttivo allora in carica composto da volontari di Roma, Milano e Padova rassegna le dimissioni. Viene così rieletto un nuovo direttivo e stabilito la sede dell’associazione a Caselle di Selvazzano (PD).

L’associazione dà così una nuova svolta nella raccolta fondi partecipando a bandi di concorso regionali, nazionali, ottenendo inoltre supporto per fondi da istituti religiosi, bancari.

Sono ripresi inoltre i contatti del gemellaggio Padova-Beira e confermato il nuovo gemellaggio tra la cittadina di Limena (PD) e Vilankulo dove ha sede uno dei centri ASEM. 

2013:

AD OGGI

L’associazione partecipa dal 2013 alla “Festa delle associazioni e del volontariato” che si svolge a settembre a Padova.

 

Nel 2018 ASEM entra a far parte delle ONLUS inserite nel “Charity Program” della Padova Marathon.

Diversi eventi sono stati inoltre organizzati sempre per la raccolta fondi tra i quali i concerti di musica barocca della “Società Musicale” nel 2018-2019.

 

È iscritta al registro delle APS della Regione Veneto, a quelle della provincia di Padova, a quello del Comune di Padova e di Roma, al registro nazionale delle ONLUS e al registro SAD (Sostegno a distanza) dell’Agenzia per il terzio settore.